Parco Treves de’ Bonfili, un giardino all'inglese a Padova

Parchi e giardini a Padova
Caratteri

Il parco Treves de’ Bonfili è un parco monumentale realizzato nell'Ottocento, una delle più interessanti testimonianze della diffusione del giardino all'inglese in Veneto.

 

Il parco Treves de’ Bonfili, situato a Padova in via Bartolomeo d’Alviano lungo le mura veneziane del Cinquecento, è un parco monumentale realizzato nella prima metà dell'Ottocento. E' una delle più interessanti testimonianze della diffusione del giardino all'inglese in Veneto.

Il parco fu ideato dall'architetto Giuseppe Jappelli, celebre per la realizzazione dello storico Caffè Pedrocchi, su commissione dei baroni Treves de’ Bonfili, e realizzato in stile romanico, con molteplici riferimenti alla cultura massonica.

Jappelli realizzò una struttura irregolare nella quale accostò elementi di gusto diverso: un tempietto greco, una tribunetta in pietra di Nanto, la grotta dell'alchimista ed una pagoda cinese, che componevano delle splendide scene paesaggistiche, accuratamente studiate per stupire i visitatori, con immagini di gusto classicheggiante.

Il parco è composto da due grandi spazi: una parte bassa e ondulata a sud e una parte alta a nord costituita da una piana e delle collinette, separate dal Canale Alicorno, le cui acque vengono utilizzate per irrigare il nuclo storico dell'Orto Botanico e per alimentare i canali che circoscrivono l'Isola Memmia in Prato della Valle.

 

Parco Treves de' Bonfili - Il tempietto

Parco Treves de' Bonfili - Il tempietto

 

Nel 1886, alla conclusione della Terza Guerra d'Indipendenza, Parco Treves ebbe un ospite illustre, Re Vittorio Emanuele II, che concesse ai Treves il titolo di baroni.

Durante la Seconda Guerra Mondiale, il parco subì danni ingenti: alcune delle strutture originarie, come le grotte e la pagoda cinese furono distrutte, e molti alberi storici furono abbattuti. Dell’impianto originario si sono conservati il tempietto neo-classico, l’ex ghiacciaia, l’edicola con le cariatidi e la casa del giardiniere (non più accessibile dal parco).

Le condizioni del parco peggiorarono dopo la guerra, quando l'area fu utilizzata come deposito di materiali di scarto dell'ospedale di Padova, accumulando uno spesso strato di rifiuti nell'area del maneggio. Nel 1958 Parco Treves de' Bonfili fu acquisito dal Comune di Padova.

Nel 1996 il Comune avviò un progetto di restauro del parco, che fu realizzato secondo i principi della Carta di Firenze sui giardini storici dall’architetto Paola Bussadori, e fu completato nel 2002. Il restauro ha riportato alla luce la pavimentazione in coccio dell’ex serra delle palme, e ha coinvolto quanto resta delle strutture jappelliane distrutte durante la guerra, come la cavallerizza, la tribunetta da cui si assisteva allo spettacolo equestre e l’ex ghiacciaia.

Nel corso del restauro sono state quindi abbattute le piante compromesse e sono state inserite nuove specie botaniche, come rose, ortensie, rododendri e azalee. Il fabbricato destinato ai servizi ospita una mostra permanente sulla storia del sito.

 

Parco Treves de' Bonfili - Ingresso

Parco Treves de' Bonfili - Ingresso

 

Parco Treves de’ Bonfili: riferimenti

Il parco è visitabile gratuitamente durante tutto l'anno, la mattina dalle 10.00 alle 12.00 e il pomeriggio dalle 15.00 alle 18.00. Da Ottobre a Febbraio l'aperura pomeridiana è ridotta dalle 14.00 alle 16.00, mentre da Novembre a Febbraio il parco è aperto solo di pomeriggio.

Durante i mesi primaverili e autunnali vengono organizzate visite guidate della durata di un'ora, tutti i sabati alle ore 10.00 e alle 11.00. Le visite, disponibili anche in inglese, vanno prenotate contattando Artopolis (telefono +39 3471495877), associazione nata nel 2006 per promuovere e divulgare l’arte nelle sue diverse espressioni.

Scopri quali sono i più interessanti parchi e giardini a Padova. Se ti è piaciuto questo articolo, che ne dici di consigliarlo con un +1?

E tu, sei stato al Parco Treves? Conosci e frequenti il parco? Fammelo sapere nei commenti!

 

Parco Treves de’ Bonfili
Indirizzo: Via Bartolomeo d’Alviano, Padova
Telefono: +39 049 8601512

 

Grandottori Iscriviti gratis a Grandottori, la Newsletter di ePadova e ricevi contenuti premium, promozioni e sconti esclusivi!


I tuoi dati personali sono trattati in conformità al D.Lgs 196/2003. Leggi la Privacy Policy.

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS
Segui ePadova
Segui i profili social di ePadova per restare aggiornato sulle novità più interessanti:
 
Grandottori Iscriviti gratis a Grandottori, la Newsletter di ePadova e ricevi subito contenuti premium, promozioni e sconti esclusivi!

I tuoi dati personali sono trattati in conformità al D.Lgs 196/2003.
Leggi la Privacy Policy.

Booking.com

PadovaCard

Se il sito ti piace, consiglialo utilizzando il tasto +1: a te non costa nulla, ma per me è una grande soddifazione!
 
                           
 

Questo sito e gli strumenti terzi utilizzati si avvalgono di cookie utili alle finalità illustrate nella Privacy Policy. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei cookie.