Museo Diocesano a Palazzo Vescovile

I Musei di Padova
Caratteri

Il Museo Diocesano è un museo allestito negli spazi del Palazzo Vescovile di Padova, per conservare e valorizzare il patrimonio artistico della Diocesi.


Il Museo Diocesano è ospitato negli ambienti dello splendido Palazzo Vescovile di Padova, situato in Piazza Duomo, e adiacente alla Cattedrale di Santa Maria Assunta, per tutti il Duomo di Padova.

Il Palazzo Vescovile ha una struttura complessa, frutto di numerosi interventi apportati nel tempo: le sue origini risalgono al Tredicesimo secolo, ma nei due secoli successivi l'edificio fu più volte rinnovato fino a raggiungere l'attuale conformazione: si tratta di una lussosa residenza rinascimentale, di forma cubica, che include un ampio salone di rappresentanza al piano nobile, chiamato Salone dei Vescovi.

Un primo nucleo del Museo fu realizzato nel 1973, come Museo Diocesano d’Arte Sacra San Gregorio Barbarigo, con lo scopo di conservare e valorizzare il patrimonio artistico della Diocesi. In occasione del Giubileo del 2000, fu possibile recuperare alcuni ambienti del Palazzo Vescovile che versavano in cattive condizioni, e quindi utilizzarli come sede espositiva, facendo nascere così il Museo Diocesano.

Il museo si estende su una superficie di oltre 2.000 metri quadrati, dove sono esposte preziose opere di pittura, scultura e oreficeria, codici miniati e paramenti sacri provenienti dal territorio della Diocesi di Padova.

 

Palazzo Vescovile

Museo Diocesano: Palazzo Vescovile

 

Il percorso museale inizia al primo piano, nella Sala San Gregorio Barbarigo, detta in passato “tinello dei dottori”, perchè qui il Vescovo conferiva le lauree agli studenti dell'Università.

Nelle pareti sono raccolti stemmi, busti e iscrizioni provenienti dai diversi ambienti del palazzo, oltre alle tracce della decorazione quattrocentesca realizzata da Jacopo da Montagnana.

La sala ha un soffitto a cassettoni, arricchito da una serie di medaglioni con i ritratti di vari imperatori romani, disposti lungo le pareti e sulle travi. Sulla parete di fondo si trova un affresco che raffigura la Resurrezione di Cristo.

In questa sala sono periodicamente esposti alcuni manoscritti e incunaboli della Biblioteca Capitolare.

 

Museo Diocesano

Museo Diocesano: Sala San Gregorio Barbarigo

 

L'esposizione prosegue al piano nobile, costituito dal monumentale Salone dei Vescovi, dalla Cappella di Santa Maria degli Angeli, situata sul lato nord-orientale del palazzo, a cui seguono le varie Sale del Belvedere, la Cappella del Velario, recentemente restaurata, e la fastosa Sala del Settecento, a sud-ovest.

Il Salone dei Vescovi, in passato detto "Sala del trono", è una grande sala di rappresentanza, che veniva utilizzata per le udienze ufficiali.

Le pareti sono state riccamente decorate da Bartolomeo Montagna, con i ritratti dei primi 100 vescovi di Padova, ad iniziare da San Prosdocimo, che diffuse il Cristianesimo nella regione, fino a Pietro Barozzi, committente dell'opera all'inizio del Sedicesimo secolo. Un secolo più tardi le decorazioni del salone furono completate con nuovi ritratti dei vescovi inseriti in una finta architettura, e il ritratto delle Virtù.

Il soffitto fu costruito nel 1759 per sostituire quello originario distrutto da una tromba d’aria e presenta al centro lo stemma di papa Clemente XIII, che fu Vescovo di Padova dal 1743 al 1758.

All'inizio del Diciottesimo secolo il vescovo Francesco Scipione Dondi dell’Orologio fece inserire ai lati della porta di accesso un affresco con il ritratto di Francesco Petrarca, proveniente dalla casa di Arquà, e un mosaico di metà Quattrocento rappresentante una Madonna con Bambino proveniente dalla demolizione della chiesa di San Giobbe in Padova, nel 1810.

 

Museo Diocesano

Museo Diocesano: Salone dei Vescovi

 

Dal lato nord-orientale del salone si accede alla Cappella di Santa Maria degli Angeli, costuita nel 1495 per volere del vescovo Pietro Barozzi nell’ambito della ristrutturazione rinascimentale del vescovado.

Il progetto fu affidato a Lorenzo da Bologna, mentre la decorazione fu eseguita da Prospero da Piazzola e Jacopo da Montagnana, secondo un programma iconografico incentrato sul Credo degli Apostoli. Nell'Abside è conservato un trittico dipinto da Jacopo da Montagnana, che raffigura l’Annunciazione, affiancata dagli arcangeli Michele e Raffaele.

 

Nelle salette successive, chiamate Sale del Belvedere sono conservate importanti opere d'arte che spaziano dal Quattordicesimo al Diciottesimo secolo. Tra queste in particolare:

  • Sette tavole con le "Storie di San Sebastiano" di Niccolò Semitecolo, collaboratore del Guariento,
  • La tela "Madonna con Gesù Bambino" di Giusto de' Menabuoi,
  • L'affresco del "Ritratto di fanciullo", staccato da un muro esterno del Battistero,
  • Le tavole "San Francesco e san Gerolamo" e "San Ludovico da Tolosa e sant'Antonio" di Giorgio Schiavone, provenienti dalla Chiesa di San Francesco,
  • Un prezioso "Reliquiario della Croce" in argento dorato, di manifattura danese.
  • La tela "San Francesco da Paola", di Giambattista Tiepolo.


Nella sala dell'Ottocento sono inoltre esposti una grande quantità di ex voto, legati alla devozione popolare. Una sala è dedicata ai paramenti liturgici e conserva molti paramenti sacri, tra cui due dalmatiche con manipolo e una stola della fine del Quindicesimo secolo, e il corredo ricamato in filo d'oro di Clemente XIII, vescovo di Padova tra il 1743 e il 1758.

Il piano terra del palazzo, che un tempo fungeva da cantina, è oggi destinata a esibizioni temporanee.

 

Museo Diocesano

Museo Diocesano: Sala del Settecento

 

Museo Diocesano: riferimenti

Il Museo è aperto di giovedì, venerdì, sabato dalle 14.00 alle 18.00 e la domenica e nei giorni festivi dalle 10.00 alle 18.00.

Il biglietto costa €5,00; il biglietto unico che consente anche l'ingresso al Battistero costa €7,00. Sono previsti ingressi ridotti per studenti e over 65 (€4,00 per l'accesso al Museo, €5,00 per l'accesso combinato con il Battistero), mentre i bambini sotto i sei anni, i disabili e i religiosi non pagano.

Sono disponibili anche visite guidate, disponibili al costo di €65,00 oltre al biglietto d'ingresso, di €50,00 per la visita del Battistero, oppure di €100,00 per entrambe.

 

Scopri tutte le informazioni per visitare Padova nella sezione dedicata di questo sito! Se ti è piaciuto questo articolo, che ne dici di consigliarlo con un +1?

Hai visitato il Museo Diocesano. Che ne pensi? Fammelo sapere nei commenti!

 

Museo Diocesano
Indirizzo: Piazza Duomo 12, Padova
Telefono: +39 049 8761924
Web: www.museodiocesanopadova.it

 

Grandottori Iscriviti gratis a Grandottori, la Newsletter di ePadova e ricevi contenuti premium, promozioni e sconti esclusivi!


I tuoi dati personali sono trattati in conformità al D.Lgs 196/2003. Leggi la Privacy Policy.

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS
Segui ePadova
Segui i profili social di ePadova per restare aggiornato sulle novità più interessanti:
 
Grandottori Iscriviti gratis a Grandottori, la Newsletter di ePadova e ricevi subito contenuti premium, promozioni e sconti esclusivi!

I tuoi dati personali sono trattati in conformità al D.Lgs 196/2003.
Leggi la Privacy Policy.

Booking.com

PadovaCard

Se il sito ti piace, consiglialo utilizzando il tasto +1: a te non costa nulla, ma per me è una grande soddifazione!
 
                           
 

Questo sito e gli strumenti terzi utilizzati si avvalgono di cookie utili alle finalità illustrate nella Privacy Policy. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei cookie.