Piazza delle Erbe, tempio del culto dello Spritz

Le Piazze di Padova
Caratteri

Piazza delle Erbe è situata nel cuore di Padova, all'ombra del Palazzo della Ragione. La piazza, vero e proprio tempio del culto dello Spritz, nei giorni feriali è sede del vivace mercato cittadino.


Piazza delle Erbe è una bella piazza di forma irregolare (è una sorta di trapezio), situata a sud del Palazzo della Ragione, che con la sua grande mole ne domina il profilo.

Assieme a Piazza della Frutta, a cui è collegata dal Volto della Corda e da un passaggio in Via Squarcione, costituisce la storica zona commerciale della città: ancora oggi le due piazze ospitano, in tutti i giorni feriali, un grande mercato allestito su banchi in legno su ruote, detti degli "scariolanti", che a metà pomeriggio vengono rimossi e rimpiazzati dai tavolini dei bar che sia affacciano sulle piazze. I banchi in Piazza delle Erbe vendono fiori e frutta e verdura.

La piazza è delimitata a est da due facciate di Palazzo Moroni e a ovest dal Palazzo delle Debite.

La strada che fiancheggia la piazza a sud, Via San Canziano, Via Daniele Manin conduce a Piazza Duomo (dopo Piazza delle Erbe prende il nome di Via Daniele Manin, in passato Contrà delle Beccherie Vecchie), mentre le sue laterali - Via delle Piazze, Via dei Fabbri e Via Squarcione portano all'interno dell'Ex Ghetto Ebraico di Padova.

Piazza delle Erbe era anticamente chiamata "Piazza delle Biade", ed era dedicata a feste e celebrazioni popolari (come i Ludi Carraresi - una sorta di palio cittadino - e in tempi più recenti il Gioco del Lotto) ma anche alle pubbliche esecuzioni capitali: il patibolo veniva installato sotto le finestre di Palazzo Moroni, oppure sulle loggie del Palazzo della Ragione.

La piazza è attualmente uno dei punti di ritrovo più frequentati da padovani (sopratutti i più giovani), studenti universitari e turisti, e uno dei luoghi padovani più classici dove bere uno Spritz. Nel loggiato del Palazzo della Ragione, in prossimità della Scala dei Ferri Lavorati si trova il Bar Nazionale, una vera e propria istituzione padovana, che offre ottimi spritz e sopratutto degli spettacolari tramezzini riscaldati sulla piastra.

 

Piazza delle Erbe

Piazza delle Erbe: Il mercato

 

Chiesa di San Canziano

Appena fuori dalla piazza, a sud est, si trova la bella Chiesa di San Canziano, un edificio di origine medievale citato nelle cronache cittadine a partire dall'anno 1034 e profondamente ristrutturato alla fine del Sedicesimo secolo, grazie all'eredità lasciata da Don Cesare Mantova, per 27 anni parroco della Chiesa.

La facciata è stata a lungo impropriamente attribuita ad Andrea Palladio, mentre viene ora riferita all'opera di Vincenzo Dotto.

La chiesa è affidatata ai sacerdoti Legionari di Cristo, una congregazione maschile di piritto pontificio, che nei giorni festivi celebra - unica in città - la Messa Tridentina (ogni domenica alle 11.00), promulgata da papa Pio V nel 1570 e praticamente scomparsa dopo il Concilio Vaticano II del 1969.

La chiesa intitolata ai Santi Canzio, Canziano e Canzianilla, martiri del Patriarcato di Aquileia, morti il 31 Maggio del 304.

La facciata, in cui si alternano le tonalità del cotto e dell'intonaco, è composta da quattro semi colonne appoggiate su un alto basamento e dotate di capitelli in stile corinzio. Le due nicchie laterali ospitano le statue dell'Umiltà e della Verginità, scolpite da Antonio Bonazza.

Sopra le statue, due bassorilievi del Settecento mostrano le scene del martirio dei Santi, mentre al di sotto delle statue trovano posto una lapide dedicata al medico Bartolomeo Campo e un'iscrizione che ricorda il testamento lasciato alla Chiesa da Don Cesare Mantova.

Al centro della facciata si trova un falso arco che contiene un grande affresco che raffigura "L'Immacolata Concezione", opera del pittore francese Guy Louis II Vernansal (anche conosciuto come Lodovico Vernansal).

Sull'attico si trovano le statue dei Quattro Evangelisti, opere di Pietro Danieletti.

 

Chiesa di San Canziano

Chiesa di San Canziano

 

Scopri tutte le informazioni per visitare Padova nella sezione dedicata di questo sito! Se ti è piaciuto questo articolo, che ne dici di consigliarlo con un +1?

Sei stato in Piazza della Frutta? Hai bevuto almeno un spritz? Io, quando passo, non riesco a resistere alla tentazione di un tramezzino caldo. E tu, l'hai assaggiato? Fammelo sapere nei commenti!

 

Grandottori Iscriviti gratis a Grandottori, la Newsletter di ePadova e ricevi contenuti premium, promozioni e sconti esclusivi!


I tuoi dati personali sono trattati in conformità al D.Lgs 196/2003. Leggi la Privacy Policy.

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS
Segui ePadova
Segui i profili social di ePadova per restare aggiornato sulle novità più interessanti:
 
Grandottori Iscriviti gratis a Grandottori, la Newsletter di ePadova e ricevi subito contenuti premium, promozioni e sconti esclusivi!

I tuoi dati personali sono trattati in conformità al D.Lgs 196/2003.
Leggi la Privacy Policy.

Booking.com

PadovaCard

Se il sito ti piace, consiglialo utilizzando il tasto +1: a te non costa nulla, ma per me è una grande soddifazione!
 
                           
 

Questo sito e gli strumenti terzi utilizzati si avvalgono di cookie utili alle finalità illustrate nella Privacy Policy. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei cookie.