Strumenti
Caratteri

Prato della Valle a Padova è una delle più scenografiche piazze al mondo, e con i suoi 90.000 metri quadrati una delle più grandi d'Europa.

 

Prato della Valle è una delle più scenografiche piazze al mondo, e con i suoi 90.000 metri quadrati è una delle più grandi d'Europa. E' uno dei luoghi più attivi e vitali di Padova, molto frequentata dai padovani, che la utilizzano per passeggiare, pattinare (abitudine molto diffusa nei mesi estivi), per un momento di relax e per prendere il sole nei suoi prati.

Ogni sabato si tiene un mercato tradizionale con oltre 160 banchi e ogni terza domenica del mese si svolge il mercatino dell'antiquariato. La piazza viene spesso utilizzata per ospitare eventi e concerti ed è grandioso palcoscenico dei tradizionali fuochi d'artificio di capodanno e ferragosto.

Dopo un lungo periodo di degrado negli anni ottanta, il "Prato" ha subito un processo di riqualificazione negli anni novanta, ed è ora uno dei fiori all'occhiello della città.

 

Prato della Valle, Padova

Prato della Valle, Padova

 

In origine la zona ospitava un teatro romano, poi ridotto a palude; la piazza fu progettata nella sua forma attuale nel 1775 dall'abate Domenico Cerato, professore di architettura dell'Università di Padova, su commissione di Andrea Memmo, procuratore veneziano della città.

In suo onore, l'isola ellittica situata al centro della piazza si chiama Isola Memmia. L'isola è tagliata da due viali perpendicolari, ombreggiati da una quarantina di piante di acero riccio, che si raccordano con la piazza attraverso 4 ponti: il Ponte Nord, i due ponti degli obelischi e il Ponte dei Papi.

Sotto quest'ultimo, così chiamato per le 4 statue di papi che lo ornano, entrano e fuoriescono le acque del Canale Alicorno, che alimentano lo scenografico canaletto che circonda l'isola. L'anello d'erba esterno non era presente nel progetto originale. Fu proposto da Giuseppe Jappelli nel 1824 e realizzato però solo successivamente.

 

Prato della Valle, Ponte degli obelischi

Prato della Valle: Ponte degli obelischi

 

Al centro dell'isola sono presenti 16 vasi ornamentali e una fontana circondata da panchine in pietra d'Istria, inaugurata nel 1926.

L'isola Memmia è decorata da 8 obelischi e da una doppia fila di 78 statue realizzate in pietra di Costozza, dedicate ai personaggi più illustri della città, i notabili, padovani di nascita o d'adozione.

Questi includono, tra gli altri, il mitico fondatore Antenore, Tito Livio, Torquato Tasso, Ludovico Ariosto, Andrea Mantegna, Francesco Petrarca e Galileo Galilei. In origine le statue erano 84, ma quelle raffiguranti 6 Dogi di Venezia furono distrutte dai soldati dell'esercito napoleonico nel 1797. Altre statue, danneggiate dagli agenti atmosferici sono state sostituite o rimodellate.

La statua del marchese Poleni, scolpita da Antonio Canova nel 1780 è stata spostata nei Musei Civici Eremitani e sostituita da una copia realizzata da Luigi Strazzabosco.

 

Prato della Valle, statue

Prato della Valle: le statue

 

Loggia Amulea

Prato della Valle è circondata di una serie di edifici bassi, tra cui spicca la Loggia Amulea, un affascinante palazzo in stile neogotico, costruito all'inizio del Seicento dal Cardinale Marco Antonio Da Mula, per ospitare i giovani nobili che studiavano presso l'Università di Padova.

Nel 1822 l'edificio fu devastato da un incendio, e venne in seguito ricostruito completamente, sul modello degli edifici veneziani dall'ingegner Eugenio Maestri.

La facciata del palazzo è caratterizzata da un elegante doppio loggiato, costituito da nove archi acuti per piano, riccamente decorati. Il secondo piano è chiuso da un cornicione su cui si appoggia una merlatura barocca.

Tra le arcate al piano terra si trovano le statue di Dante e di Giotto, opera dello scultore svizzero Vincenzo Vela.

Nella parete del portico si trovano:

  • Un bassorilievo in bronzo in ricordo di Felice Cavallotti,
  • Una lapide in marmo dedicata al Generale Alfonso La Marmora,
  • Un'iscrizione a ricordo degli studenti padovani caduti nelle Guerre di Indipendenza,
  • Una tavola di marmo con un sonetto scritto da Gabriele d'Annunzio e dedicato a Padova.

Dal 1909 al 1989 la Loggia Amulea è stata sede dei Vigili del Fuoco di Padova, mentre attualmente ospita alcuni uffici comunali. Nella grande sala al primo piano di tanto in tanto vengono celebrati i matrimoni civili.

 

Prato della Valle, la Loggia Amulea

 Prato della Valle, la Loggia Amulea

 

 

"Non alla solitudine scrovegna, o Padova, in quel bianco april felice venni cercando l'arte beatrice di Giotto che gli spiriti disegna; né la maschia virtù d'Andrea Mantegna che la Lupa di bronzo ebbe a nutrice, mi scosse; né la forza imperatrice del Condottier che il santo luogo regna. Ma nel tuo prato molle, ombrato d'olmi e di marmi, che cinge la riviera e le rondini rigano di strida, tutti i pensieri miei furono colmi d'amore e i sensi miei di primavera, come in un lembo del giardin d'Armida."

Gabriele D'Annunzio

 

Palazzo Zacco

Poco più a sud, nell'angolo occidentale del Prato della Valle, si trova Palazzo Zacco o "degli Armeni", oggi sede del Circolo unificato delle Forze Armate.

L'edificio fu commissionato nel 1550 da Marco Zacco all'architetto Andrea Moroni, e fu ultimato nel 1557. Nel 1839 il palazzo venne ceduto alla "Congregazione Armena" che vi istituì un collegio destinato ad ospitare i giovani armeni iscritti all'Università di Padova, detto "Collegio Moorat".

La facciata è realizzata in pietra chiara. Il portico è suddiviso in sette arcate sostenute da pilastri che presentano una leggera bugnatura.

Il piano nobile ha tre poggioli sulla facciata, più un quarto affacciato su Via Cavalletto, da cui partono alte finestre. Il secondo piano è invece aperto da piccole finestre quadrate e si conclude con un cornicione, coronato da un suggestivo gioco di lunette ed obelischi di varie dimensioni.

 

Palazzo Zacco

 Prato della Valle: Palazzo Zacco

 

Ex Foro Boario

A sud del Prato è possibile notare l'ingresso dell'ex Foro Boario, realizzato nel 1913 su progetto di Alessandro Peretti. La struttura fu realizzata sull'area un tempo occupata dalla Chiesa della Misericordia e da un Convento di monache Benedettine, entrambi distrutti all'inizio dell'Ottocento.

Il complesso è composto da due grandi edifici, raccordati da due porticati che confluiscono nella grande struttura monumentale detta Avancorpo, che consente l'accesso attraverso un grande arco a tutto sesto. Ai lati dell'arco, 4 colonne con capitelli ionici sorreggono un grande timpano, che decorato con un altorilievo intitolato "Scene del Mercato", opera dello scultore padovano Antonio Pennello.

Il complesso includeva servizi veterinari, una banca, gli uffici del telegrafo e la sala ristorazione, e rimase in funzione fino all'inizio degli anni Settanta. Oggi la zona è al centro di un progetto di recupero e valorizzazione.

 

Prato della Valle, l'ex Foro Boario

Prato della Valle, l'ex Foro Boario

 

Nell'angolo sud-orientale della piazza si trova e la Basilica di Santa Giustina, dedicata alla prima martire della città, costruita tra la fine del Quinto e l'inizio del Sesto secolo.

Proseguendo in via Belludi si giunge in breve in Piazza del Santo, dove si trovano la Basilica di Sant'Antonio, meta ogni anno di milioni di pellegrini e turisti provenienti da tutto il mondo, l'Oratorio di San Giorgio, la Scuola del Santo e il celebre Monumento Equestre del Gattamelata di Donatello.

 

Palazzo Angeli

Nell'angolo con Via Umberto I, si trova Palazzo Angeli, risalente alla fine del Sedicesimo secolo.

Nel Settecento il palazzo era la dimora di Andrea Memmo. Tra gli ospiti illustri figurano Giacomo Casanova e Giovanni Antonio Canal, detto il Canaletto, che da qui creò una veduta panoramica di Prato della Valle.

Il piano terra è dotato di un grande porticato strutturato su tre archi. Il Piano mezzanino è alleggerito da una serie di finestre strette e da una trifora, mentre il Piano nobile ha al centro una caratteristica polifora composta da cinque archi separati da colonne.

L'ultimo piano del palazzo, dal 1998, è sede del Museo del Precinema.

 

Palazzo Angeli

Prato della Valle: Palazzo Angeli

 

Trova tutte le informazioni per visitare Padova nella sezione dedicata di questo sito! Se ti è piaciuto questo articolo, che ne dici di consigliarlo con un +1?

Tutti conoscono la storia dei "tre senza", ma non tutti sanno perchè Prato della Valle è detto il "Prato senza erba", dal momento che l'Isola Memmia dispone oggi di un curatissimo prato: Nel corso del Diciannovesimo secolo nell'Isola furono piantati un centinaio di platani, che raggiunsero i 35/40 metri d'altezza, rovinando la composizione monumentale e ostacolando completamente la crescita dell'erba.

E tu, hai visitato il Prato? Fammelo sapere nei commenti!

 

Grandottori Iscriviti gratis a Grandottori, la Newsletter di ePadova e ricevi contenuti premium, promozioni e sconti esclusivi!


I tuoi dati personali sono trattati in conformità al D.Lgs 196/2003. Leggi la Privacy Policy.

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS

Articoli collegati Prato della Valle, la piazza monumentale di Padova

Segui ePadova
Segui i profili social di ePadova per restare aggiornato sulle novità più interessanti:
 
Grandottori Iscriviti gratis a Grandottori, la Newsletter di ePadova e ricevi subito contenuti premium, promozioni e sconti esclusivi!

I tuoi dati personali sono trattati in conformità al D.Lgs 196/2003.
Leggi la Privacy Policy.

Booking.com

PadovaCard

Se il sito ti piace, consiglialo utilizzando il tasto +1: a te non costa nulla, ma per me è una grande soddifazione!
 
                           
 

Questo sito e gli strumenti terzi utilizzati si avvalgono di cookie utili alle finalità illustrate nella Privacy Policy. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei cookie.