Vini veneti, dal Prosecco all'Amarone

La cucina veneta
Caratteri

50 vini veneti da provare: ecco una selezione che affianca vini leggendari e vini emergenti, da 6 a 265 euro.

 

La storia del vino veneto ha radici profonde e nobili: prodotto fin da tempi remoti e citato da autori classici come Svetonio, Plinio il Vecchio e Virgilio, fu esportato in mezzo mondo dai mercanti veneziani nel periodo della Serenissima.

Oggi il Veneto è una delle regioni italiane più rappresentative a livello enologico: si colloca al primo posto in Italia nella produzione totale di vino (7,5 milioni di ettolitri nel 2012), e al primo posto in quella di vini DOC e DOCG (3,7 milioni di ettolitri). Anche per questo tutti gli anni, nel mese di aprile, Verona ospita il Vinitaly, uno degli eventi mondiali più importanti del settore.

In questo articolo ti propongo una selezione di quelli che considero i migliori vini veneti; l'elenco include alcune delle etichette più celebrate, molte proposte interessanti e alcuni vini emergenti, per un portfolio vario e articolato anche a livello di prezzi (si va da 6,60 per la bottiglia meno costosa a 265,00 euro).

Naturalmente in tutto il Veneto, e nella maggior parte dei ristoranti è possibile trovare una grande selezione di vini nazionali ed esteri, ma lo scopo di questo articolo è quello di presentarti e farti conoscere i vini locali, con nome e congnome, visto che considero anche il turismo enologico una forma interessante di cultura.

 

Vini veneti: spumanti e bollicine

Parlando di spumanti veneti non si può che iniziare con il Prosecco (denominazione ufficiale: Prosecco di Conegliano-Valdobbiadene), prodotto nella zona collinare della provincia di Treviso da uva di tipo Glera. E' uno spumante dal colore giallo paglierino e dal profumo fruttato (in particolare il sentore più tipico è quello di pera), prodotto con metodo Charmat, che ha riscosso un enorme successo commerciale in Italia e all'estero.

Il Prosecco è disponibile in tipologie differenti: Dry, Brut o Extra Dry, in base alla concentrazione di zucchero residuo rimasto dopo la fermentazione. Tra i produttori più interessanti posso citare Col Vetoraz, Val d'Oca e Silvano Follador, con il suo particolare "Dosaggio Zero" prodotto con metodo classico.

La famiglia Miotto, produttrice del Col Vetoraz

La famiglia Miotto, produttrice del Col Vetoraz

Negli ultimi anni ha riscosso un discreto successo anche il "Colfondo", prosecco biologico che subisce un processo di rifermentazione spontanea in bottiglia. Il Colfondo è un vino particolare, dall'aspetto torbido e dal sapore talvolta pungente. Personalmente non amo molto i vini biologici o biodinamici, ma se li apprezzi ti consiglio di optare per il "Frizzante... naturalmente" prodotto da Casa Coste Piane di Loris Follador.

Le uve raccolte nel territorio di San Pietro di Barbozza hanno diritto alla denominazione Superiore di Cartizze. Segnalo in particolare il "Superiore di Cartizze" Santa Eurosia.

In località Monteforte d'Alpone opera l'azienda Villa Rinaldi, specializzata nella produzione di spumanti metodo classico, realizzati con uve provenienti dal Trentino. Da segnalare l'ottimo "Imperiale", un Pinot Nero in purezza.

Riepilogo:

  • Prosecco Superiore Millesimato Extra Dry, Val d'Oca - 11° - 100% Glera - € 8,90
  • Prosecco Superiore Extra Dry "Col dell'Orso", Frozza - 11,5° - 100% Glera - € 9,30
  • Prosecco Superiore Millesimato Dry, Col Vetoraz - 11,5° - 100% Glera - € 9,50
  • Prosecco "Frizzante... naturalmente", Casa Coste Piane - 11,5° - 50% Glera, 5% Varie - Colfondo - € 11,10
  • Prosecco Superiore "Dosaggio Zero", Silvano Follador - 11,5° - 100% Glera - Metodo Classico - € 15,70
  • Superiore di Cartizze, Santa Eurosia - 11,5° - 100% Glera - € 19,00
  • Brut "Imperiale", Villa Rinaldi - 13° - 100% Pinot Nero - Metodo Classico - € 21,50

Vuoi sapere qual'è la bottiglia di prosecco che non manca MAI nel mio frigo? Presto detto: il Millesimato Col Vetoraz!

Per questo vino vado a scomodare un celebre detto popolare veneto, che dice:

"Mejo berghene na possa che spanderghene na giossa".  

CLICK TO TWEET

Vini veneti: i vini bianchi

Il più importante vino bianco veneto è senza dubbio il Soave Classico, un bianco secco, di colore giallo paglierino, talvolta tendente al verdognolo, dal profumo intenso e delicato, prodotto con uva Garganega.

Meritano una citazione il Soave di Allegrini, dal gusto rotondo e agrumato, il Soave Classico di Gini e il Soave Classico Pieropan, le bottiglie più classiche dei due produttori di riferimento, che però raggiungono i livelli più elevati rispettivamente con il Soave Classico "Contrada Salvarenza" e il Soave Classico "La Rocca".

Un caso a parte è rappresentato da Anselmi, uno dei vinicoltori più celebri del veronese (la cantina è a Monteforte d'Alpone) che da ormai diversi anni ha deciso di produrre Soave fuori disciplinare (che infatti non può essere chiamato così). I suoi bianchi, ad esempio il San Vincenzo o il Capitel Foscarino, prodotti a base di uva Garganega - con l'aggiunta in alcuni casi di Chardonnay e Souvignon - sono tra i migliori sulla piazza.

I vigneti e la cantina Cavalchina

I vigneti e la cantina di Cavalchina

Con la stessa uva, nel Comune di Vicenza, viene prodotto un altro bianco di valore, il Gambellara. Tra questi, segnaliamo il Gambellara Classico "Riva del Molino" di Luigino Dal Maso.

Nella zona di Breganze si produce invece l'ottimo Vespaiolo, ideale accompagnamento degli asparagi bianchi di Bassano. Da non perdere il Vespaiolo Superiore "Vignasilan" di Contrà Soarda.

In provincia di Verona, nella zona di Sommacampagna, si produce il Bianco di Custoza, un vino giallo paglierino fruttato e sapido, realizzato con uve diverse, Trebbiano e Garganega (ma anche Tocai, Rieseling, Pinot bianco e Chardonnay). Da segnalare il Custoza Superiore "Amedeo" di Cavalchina, dedicato al Principe Amedeo di Savoia che durante la Terza Guerra di Indipendenza fu ferito nella zona della Cavalchina, dove ora sorge l'azienda omonima.

Riepilogo:

  • Soave, Allegrini - 13° - 80% Garganega, 20% Chardonnay - € 6,60
  • Gambellara Classico "Riva del Molino", Luigino Dal Maso - 13,5° - 100% Garganega - € 8,35
  • Soave Classico, Pieropan - 12° - 90% Garganega, 10% Trebbiano - € 8,90
  • Bianco Veneto "San Vincenzo", Anselmi - 13° - 80% Garganega, 15% Chardonnay, 5% Trebbiano - € 9,15
  • Custoza Superiore "Amedeo", Cavalchina - 13,5° - 40% Garganega, 30% Fernanda, 15% Trebbianello, 15% Trebbiano - € 9,50
  • Soave Classico "Contrada Salvarenza", Gini - 13,5° - 90% Garganega, 10% Chardonnay - € 18,90
  • Vespaiolo Superiore "Vignasilan", Contrà Soarda - 14° - 100% Vespaiolo - € 19,00
  • Soave Classico "La Rocca", Pieropan - 13° - 100% Garganega - € 22,50

Due bottiglie di bianco che non mancano nella mia cantina? San Vincenzo di Anselmi e Soave Allegrini!

 

Vini veneti: sua maestà l'Amarone e i vini rossi

A nord di Vicenza, tra Thiene e Bassano si estende invece la zona di Breganze, dove vengono prodotti vini di pregio, come il Rosso di Breganze, ottenuto con uve di Merlot ed il Cabernet di Breganze, ottenuto con uve di Cabernet Franc e Sauvignon: ha un colore rosso rubino scuro, un profumo intenso e un gusto corposo, asciutto e leggermente tannico.

Vado a colpo sicuro segnalando i vini di Fausto Maculan, uno dei più riconosciuti e apprezzati enologi italiani: il "Fratta", composto da uve di Cabernet Souvignon e Merlot e il "Crosara", un Merlot in purezza.

Nella zona sud-orientale del Lago di Garda viene prodotto il Bardolino, un rosso leggero, dal colore rubino chiaro, e dal sapore asciutto e leggermente amarognolo. Negli ultimi anni è emerso come prodotto di punta il Bardolino DOC di Giovanna Tantini.

In provincia di Padova viene prodotto il Rosso dei Colli Euganei, un vino rosso morbito e profumato a base di uve Merlot. Da segnalare il premiato "Gemola" di Vignalta, e il "Villa Capodilista" de La Montecchia. Nella bassa padovana si produce invece il Bagnoli Friularo, un vino rosso sapido e caratteristico vinificato da uve Raboso Piave. Il più celebre è il Friularo Classico del Dominio di Bagnoli.

Nella fascia collinare pedemontana a nord ovest di Treviso si sviluppa la DOC Montello e Colli Asolani, che produce ottimi vini rossi, su base Merlot e Cabernet. Tra questi merita una citazione il "Rosso dell'Abazia" di Serafini & Vidotto.

Una selezione di vini Bertani

Una selezione di vini Bertani

In Veneto viene prodotto uno dei più importanti vini rossi italiani da invecchiamento, l'Amarone della Valpolicella Classico, vino da meditazione dal gusto corposo e persistente, prodotto con uve autoctone: Corvina veronese, Corvinone e Rondinella (secondo il nuovo disciplinare, recentemente modificato).

Le uve, raccolte verso la fine di settembre, vengono appassite all'aria per almeno 120 giorni nei fruttai, poi vengono pigiate e fermentate a bassa temperatura per 30-50 giorni. Dopo la vinificazione è previsto un invecchiamento di minimo 2 anni, ma molti produttori adottano un periodo molto più lungo di affinamento in botte.

Re dell'Amarone è Romano Dal Forno, che produce anche un ottimo Valpolicella Superiore. Tra i produttori più conosciuti e apprezzati, possiamo citare poi Quintarelli, Bertani, Allegrini, Stefano Accordini, Masi, Zenato e Speri.

Negli ultimi anni ha riscosso un ottimo successo commerciale il Valpolicella Ripasso, vino ottenuto facendo rifermentare il Valpolicella Classico sulle vinacce utilizzate per la fermentazione dell'Amarone. Il risultato è un vino morbido e profumato, che acquista alcuni dei sentori dell'Amarone, ma ha un grado alcolico più basso ed è commercializzato a prezzi molto più accessibili.

Ti segnalo il Ripasso "Villa Novare" di Bertani, il "Ripassa" di il Zenato e il Ripasso "Campi Magri" di Corte Sant'Alda. In più, segnalo anche un paio di etichette di Valpolicella Sueriore di ottima qualità: il Valpolicella Superiore di Romano Dal Forno e il "Sant'Urbano" di Speri. Sempre restanto in Valpolicella, ti consiglio due rossi veneti prodotti da Allegrini fuori disciplinare: "La Poja" e "Palazzo della Torre".

Riepilogo:

  • Amarone della Valpolicella Classico "Costasera", Masi - 15° - 75% Corvina, 20% Rondinella, 5% Molinara - € 29,50
  • Amarone della Valpolicella "Acinatico", Stefano Accordini - 16° - 75% Corvina, 20% Rondinella, 5% Molinara - € 36,50
  • Amarone della Valpolicella Classico "Vigneto Monte Sant'Urbano", Speri - 15° - 70% Corvina, 15% Rondinella, 5% Corvinone - € 43,50
  • Amarone della Valpolicella Classico, Allegrini - 15° - 75% Corvina, 20% Rondinella, 5% Molinara - € 50,00
  • Amarone della Valpolicella Classico, Bertani - 15° - 80% Corvina, 20% Rondinella - € 56,50
  • Amarone della Valpolicella Classico, Quintarelli - 16,5° - 55% Corvina, 25% Rondinella, 15% Cabernet Souvignon, 5% Varie - € 195,00
  • Amarone della Valpolicella, Romano Dal Forno - 17,5° - 60% Corvina, 20% Rondinella, 10% Oseleta, 10% Croatina - € 265,00
  • Bardolino, Giovanna Tantini - 12,5°, 65% Corvina, 30% Rondinella, 5% Merlot - € 8,20
  • Friularo Classico, Dominio di Bagnoli - 13° - 100% Raboso Piave - € 10,00
  • Valpolicella Ripasso "Villa Novare", Bertani - 13,5° - 80% Corvina, 20% Rondinella - € 12,60
  • Rosso Veneto "Palazzo della Torre", Allegrini - 13,6° - 70% Corvina, 25% Rondinella, 5% Molinara - € 14,00
  • Valpolicella Ripasso "Ripassa", Zenato - 13,5° - 80% Corvina, 10% Rondinella, 10% Sangiovese - € 15,50
  • Valpolicella Superiore "Sant'Urbano", Speri - 13,5° - 70% Corvina, 25% Rondinella, 5% Molinara - € 16,00
  • Valpolicella Ripasso "Campi Magri", Corte Sant'Alda - 13° - 30% Corvina, 30% Corvinone, 30% Rondinella, 10% Varie - € 16,90
  • Colli Euganei Rosso "Villa Capodilista", La Montecchia - 13°, 60% Merlot, 33% Cabernet Souvignon, 7% Raboso - € 19,50
  • Montello e Colli Asolani Rosso "Il Rosso dell'Abazia", Serafini & Vidotto - 13°, 65% Merlot, 30% Cabernet Franc - € 21,50
  • Colli Euganei Rosso "Gemola", Vignalta - 13,5°, 65% Merlot, 30% Cabernet Franc - € 26,80
  • Rosso Veneto "La Poja", Allegrini - 14,5°, 100% Corvina - € 52,00
  • Rosso Veneto "Fratta", Maculan - 15°, 60% Cabernet Souvignon, 40% Merlot - € 56,00
  • Valpolicella Superiore, Romano Dal Forno - 14,5°, 60% Corvina, 35% Rondinella, 5% Molinara - € 64,50
  • Breganze Rosso "Crosara", Maculan - 14,5°, 100% Merlot - € 77,00

Eccole, le due bottiglie di rosso che non mancano nella mia cantina: il Ripasso Villa Novare di Bertani e il Palazzo della Torre di Allegrini!

 

Vini veneti: vini passiti

Tra i vini dolci, un prodotto caratteristico è il Torcolato, un eccellente passito ottenuto dall'uva Vespaiola, nella zona di Breganze.

L'appassimento delle uve avviene in locali ben areati e asciutti; i grappoli vengono legati con degli spaghi e attorcigliati a travi di legno. Quindi le uve subiscono una lenta torchiatura che permette di ottenere un mosto denso e dorato. In seguito alla fermentazione, il vino viene posto in piccoli botti di rovere dove rimane ad affinare per più di un anno.

Il vino, che assume un colore giallo ambrato, rivela una dolcezza complessa ed equilibrata ed un profumo di miele, fiori e vaniglia. Segnalo il premiato Torcolato "Ca´ Biasi" e l'ottimo Torcolato di "Maculan", sempre un punto di riferimento imprescindibile.

La Cantina di Maculan

La Cantina di Maculan a Breganze

Nella zona della Valpolicella, con lo stesso assemblaggio di uve utilizzate per l'Amarone, si produce il Recioto della Valpolicella, un altro dei vini dolci più tipici della regione. Molti dei più celebri produttori di Amarone si cimentano anche con il Recioto, ma devo citare in particolare quelli prodotti da Giuseppe Quintarelli e Tommaso Bussola.

Il Recioto di Soave è invece prodotto con uva Garganega. Da segnalare, l'ottimo "I Capitelli", prodotto fuori disciplinare da Roberto Anselmi.

Nei Colli Euganei si produce invece il Fior d'Arancio passito, che nel 2011 ha guadagnato il riconoscimento DOCG, prodotto con uve di Moscato giallo. Tra questi, il Fior d'Arancio "Alpianae" di Vignalta, vincitore nel 2014 del premio per il miglior moscato d'Italia e il "solito" Maculan, che produce un delizioso e poco stucchevole moscato con uva coltivata negli Euganei, denominato Dindarello.

Riepilogo:

  • Fior d'Arancio "Alpinae", Vignalta - 13,5° - 100% Moscato giallo - € 19,00
  • Torcolato, Ca' Biasi - 13,5° - 100% Vespaiola - € 23,00
  • Bianco Veneto Passito "I Capitelli", Anselmi - 13° - 100% Garganega - € 29,00
  • Torcolato, Maculan - 13,5° - 85% Vespaiola, 10% Tocai, 5% Garganega - € 31,10
  • Bianco Veneto Passito "Acininobili", Maculan - 13,5° - 85% Vespaiola, 10% Tocai, 5% Garganega - € 80,00
  • Recioto della Valpolicella Classico "TB", Tommaso Bussola - 12° - 75% Corvina, 15% Rondinella, 15% Cabernet Franc - € 98,00 (0,5 L)
  • Recioto della Valpolicella Classico, Giuseppe Quintarelli - 14,5° - 55% Corvina, 30% Rondinella, 15% Vari - € 94,50 (0,375 L)

Vuoi sapere quali sono le due bottiglie di passito che tengo in cantina? Devo essere sincero, non sono un amante dei vini passiti, e quindi non ne compro regolarmente. In genere è un tipo di vino che acquisto per le feste di Natale o a Pasqua. Comunque, i passiti che prendo più spesso sono il Dindarello di Maculan e l'Alpianae di Vignalta.

Nota: i prezzi sono solo indicativi; ho riportato il prezzo più basso (IVA compresa) tra quelli che ho trovato in giro - in primis presso il Bibe Market di Vicenza, mio fornitore di fuducia, e in qualche caso nei portali di vendita online, al netto di eventuali promozioni.

Ora, dopo un lungo articolo dedicato al vino, è d'obbligo un appello al bere responsabilmente, che ho deciso di affidare nuovamente a un proverbio veneto:

"Xe senpre l'ultimo giosso cuèo che te imbriaga".  

CLICK TO TWEET

Vini veneti: per concludere

Questo articolo, contrariamente a quanto immaginassi, si è rivelato davvero impegnativo, e sopratutto mi ha fatto realizzare in pieno quanti soldi ho investito in bottiglie di vino :-) Se questo articolo ti è piaciuto, che ne dici di consigliarlo con un semplice +1?

E tu, che tipo di vino preferisci? Conosci le bottiglie citate nell'articolo? Cosa ne pensi? Fammelo sapere nei commenti! Scopri di più sulla cucina veneta nella sezione dedicata di questo sito; e per mangiare a Padova scopri quali sono i migliori ristoranti a Padova.

 

Grandottori Iscriviti gratis a Grandottori, la Newsletter di ePadova e ricevi contenuti premium, promozioni e sconti esclusivi!


I tuoi dati personali sono trattati in conformità al D.Lgs 196/2003. Leggi la Privacy Policy.

Scarica subito!

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS
Newsletter

Grandottori

Iscriviti gratis a Grandottori, la Newsletter di ePadova e ricevi subito contenuti premium, promozioni e sconti esclusivi!

I tuoi dati personali sono trattati in conformità al D.Lgs 196/2003.
Leggi la Privacy Policy.

Prenota ora

Segui i profili social di ePadova per restare aggiornato sulle novità più interessanti:
 

PadovaCard

×

ebook 1g padova 360x360

Acquista l'ebook "Un giorno a Padova", disponibile per PC, Mac, Amazon Kindle e per smartphone e tablet iOS, Android e Windows Phone.

Questo sito e gli strumenti terzi utilizzati si avvalgono di cookie utili alle finalità illustrate nella Privacy Policy. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei cookie.