Università degli Studi di Padova

Storia di Padova e tradizioni
Caratteri

L'Università degli Studi di Padova, fondata nel 1222 è ancora oggi uno dei simboli e dei vanti della città.

 

L'Università degli studi di Padova venne fondata nel 1222 da un gruppo di professori e studenti che lasciarono Bologna alla ricerca di una maggiore libertà accademica.

Nei primi due secoli della sua storia l'ateneo fu dedicato agli studi giuridici (Universitas Iuristarum) alle facoltà di diritto civile, diritto canonico e teologia, mentre nel 1399 su impulso di Francesco II da Carrara fu creata l'Università degli artisti (Universitas Artistarum) dedicata gli studi di astronomia, dialettica, filosofia, grammatica, medicina e retorica.

In questo periodo la fama dell'Ateneo si allargò, ed iniziarono ad affluire a Padova studenti da tutta Europa.

Nel periodo della Serenissima l'Università si segnalò per i grandi progressi compiuti, in particolare nelle discipline medico-scientifiche, astronomiche e filosofiche, grazie anche al clima di apertura culturale, alla libertà e all'indipendenza garantite dalla Repubblica di Venezia.

In questo periodo venne adottato il motto dell'Università:

Universa Universis, Patavina Libertas.

Il cui significato è: La libertà di Padova è totale per tutti.

Università di Padova

Nel 1539 l'Università acquisì la proprietà del Palazzo del Bò, situato nel centro della città e caratterizzato da un bucranio (un teschio di bue) e vi insediò la propria sede principale; da allora l'Ateneo è chiamato familiarmente il Bò.

Nel 1545 venne aperto l'Orto Botanico, per la coltivazione e lo studio di piante medicinali, e nel 1594 venne costruito il Teatro Anatomico, il più antico teatro anatomico stabile del mondo: è in questa struttura che, grazie al lavoro di medici come Andrea Vesalio, Gabriele Falloppia e Girolamo D'Acquapendente, nacque la moderna anatomia patologica.

La presenza di Galileo Galilei, che insegnò a Padova per diciotto anni, tra il 1592 e il 1610, portò grande lustro alle attività scientifiche.

Padova fu poi la prima Università a dare un titolo accademico ad una donna, Elena Lucrezia Cornaro Piscopia, che conseguì la laurea in filosofia il 25 giugno 1678.

Nel 1765 l'Università fu dotata di un Osservatorio Astronomico, la Specola.

Nel periodo della dominazione austriaca l'Ateneo ebbe un ruolo importante in occasione delle sommosse insurrezionali del febbraio 1848, cui partecipano direttamente studenti e professori, così come nella lotta al nazifascismo, per cui l'Università fu insignita della medaglia d'oro al valor militare.

Oggi l'Università degli Studi di Padova è sede di tredici Facoltà che organizzano la didattica di cento corsi di laurea triennale di primo livello e di ottantatrè corsi di Laurea Specialistica.

 

 

Università di Padova: l'offerta accademica

 

Scopri tutte le informazioni per visitare Padova nella sezione dedicata di questo sito! Se ti è piaciuto questo articolo, che ne dici di consigliarlo con un +1?

Conosci il Bo? Hai studiato all'Università di Padova? Fammelo sapere nei commenti!

 

Grandottori Iscriviti gratis a Grandottori, la Newsletter di ePadova e ricevi contenuti premium, promozioni e sconti esclusivi!


I tuoi dati personali sono trattati in conformità al D.Lgs 196/2003. Leggi la Privacy Policy.

Prenota ora

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS
Newsletter

Grandottori

Iscriviti gratis a Grandottori, la Newsletter di ePadova e ricevi subito contenuti premium, promozioni e sconti esclusivi!

I tuoi dati personali sono trattati in conformità al D.Lgs 196/2003.
Leggi la Privacy Policy.

Prenota ora

Segui i profili social di ePadova per restare aggiornato sulle novità più interessanti:
 

PadovaCard

Questo sito e gli strumenti terzi utilizzati si avvalgono di cookie utili alle finalità illustrate nella Privacy Policy. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei cookie.