Strumenti
Caratteri

L'Arena Romana di Padova era un anfiteatro utilizzato per i giochi gladiatori nell'antica Patavium. L'impianto dell'Arena è ora alla base dei Giardini dell'Arena.

 

L'Arena Romana di Padova è una delle poche costruzioni ancora visibili dell'antica Patavium. Oggi dell'Arena originaria restano solo poche rovine: parte dei muri portanti e una serie di archi.

L'impianto ellittico dell'Arena è ora alla base dei Giardini dell'Arena, il principale parco cittadino, che nel periodo estivo ospita manifestazioni e spettacoli teatrali e cinematografici.

I resti dell'Arena sono stati recentemente oggetto di un processo di pulizia e restauro, che ha coinvolto anche l'attuale Porta Trionfale (o Porta di Mezzodì), di epoca medievale, che collega il parco con Piazza Eremitani. In parallelo è in corso anche un progetto di scavi, per portare alla luce le strutture originarie dell'Arena, pavimentazioni e basamenti, sepolti nel corso dei secoli da numerose stratificazioni e da successive opere edili.

 

Arena Romana - Le mura

Arena Romana - Le mura

 

L'Arena Romana venne costruita intorno al 70 d.C. in età Claudio-Flavia e fu utilizzata principalmente per i giochi gladiatorii.

Le sue dimensioni erano simili a quelle dell'Arena di Verona: l'anfiteatro aveva una pianta ellittica, su cui sorgevano ottanta archi a due ordini, e conteneva vari livelli di gradinate per gli spettatori.

L'Arena disponeva di due grandi porte d'accesso: la porta Triumphalis, in corrispondenza dell’ingresso in Piazza Eremitani, che dava accesso agli spettatori, e la porta Libitinensis, nel lato opposto, da cui venivano fatti uscire i corpi dei gladiatori caduti.

L'Arena fu demolita nel corso del Medio Evo e trasformata in cava: le sue pietre ed i suoi marmi furono utilizzati per la costruzione di nuovi edifici.

Nel Trecento l'area fu acquistata dalla ricca famiglia Scrovegni che vi fece costruire il suo palazzo, demolito poi nel 1803, e la celebre Cappella degli Scrovegni, affrescata da Giotto, uno dei capolavori più importanti dell'arte figurativa di tutti i tempi.

 

Arena Romana - Gli scavi

Arena Romana - Gli scavi

 

La zona dell'Arena è particolarmente ricca di fascino e raccoglie in uno spazio molto limitato alcune delle più interessanti attrazioni di Padova: su Corso Garibaldi, in prossimità dell'entrata dei giardini, si trova Palazzo Zuckerman, sede del Museo di Arti Applicate e Decorative e del Museo Bottacin; la Porta Trionfale sfocia su Piazza Eremitani, dove si trovano la Chiesa degli Eremitani, con la celebre Cappella Ovetari affrescata da Mantegna, e il Museo Civico Eremitani.

Poco distante, in Via Giotto, si trova il moderno Monumento Memoria e Luce, realizzato nel 2005 dall'archietetto Daniel Libeskind in memoria delle vittime dell'attentato alle Torri Gemelle di New York dell'11 Settembre 2001, e la Conca di navigazione delle Porte Contarine, costruita nel 1516 e ispirata ad un  modello di Leonardo Da Vinci.

 

Trova tutte le informazioni per visitare Padova nella sezione dedicata di questo sito! Se ti è piaciuto questo articolo, che ne dici di consigliarlo con un +1?

Hai mai visitato la zona dell'Arena? Fammelo sapere nei commenti!

 

Grandottori Iscriviti gratis a Grandottori, la Newsletter di ePadova e ricevi contenuti premium, promozioni e sconti esclusivi!


I tuoi dati personali sono trattati in conformità al D.Lgs 196/2003. Leggi la Privacy Policy.

Prenota ora

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS

Articoli collegati Arena Romana, testimonianza dell'antica Patavium

Newsletter

Grandottori

Iscriviti gratis a Grandottori, la Newsletter di ePadova e ricevi subito contenuti premium, promozioni e sconti esclusivi!

I tuoi dati personali sono trattati in conformità al D.Lgs 196/2003.
Leggi la Privacy Policy.

Prenota ora

Segui i profili social di ePadova per restare aggiornato sulle novità più interessanti:
 

PadovaCard

Questo sito e gli strumenti terzi utilizzati si avvalgono di cookie utili alle finalità illustrate nella Privacy Policy. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei cookie.