La Specola, osservatorio astronomico di Padova

Monumenti di Padova
Caratteri

La Specola è l'osservatorio astronomico di Padova, realizzato nel 1765 nella torre dell'antico Castello della città.

 

La Specola è l'osservatorio astronomico di Padova, realizzato nel 1765 nella torre dell'antico Castello della città. Il Castello fu costruito a partire dal 1242 come perno difensivo della cinta muraria e quindi ampliato nella seconda metà del trecento da Francesco da Carrara.

Con la costruzione delle mura rinascimentali nei primi decenni del 1500 il valore strategico del Castello si ridusse e la struttura venne progressivamente abbandonata.

Nel 1765 il Senato della Repubblica di Venezia diede il mandato di dotare l'Università di Padova di una Specola - un osservatorio astronomico - all'abate Giuseppe Toaldo, che scelse come sede la torre del Castello e incaricò del progetto l'architetto Domenico Cerato.

La Torre cambiò decisamente aspetto al termine dei lavori: su tutto il perimetro vennero aperte grandi finestre, mentre l'interno fu ristrutturato e diviso in due parti, una inferiore, a 16 metri dal suolo in cui fu costruita la Sala Meridiana, e una superiore a 35 metri nella zona delle merlature, dove fu costituita un'alta sala finestrata per osservare la volta celeste da ogni angolazione.

Sopra la Sala Merdidiana fu costruita una terrazza per gli studi di metereologia.

In seguito la Specola subì vari ammodernamenti, sia della strumentazione che della struttura, come l'aggiunta di una terza cupola nell'Ottocento e la costruzione di un padiglione sul bastione adiacente per accogliere un rifrattore di Mertz.

Nell'immaginario collettivo di molti padovani, la torre della Specola è la torre di Galileo, il luogo in cui lo scienziato eseguì le sue straordinarie scoperte astronomiche. Si tratta di un falso mito: l'osservatorio Astronomico fu realizzato circa 150 anni dopo la partenza da Padova di Galileo, che non ebbe quindi mai modo di frequentarlo.

La Specola fu utilizzata attivamente fino al 1942, quando entrò in funzione il più moderno Osservatorio astronomico di Asiago.

 

Specola - Sala dell'Iscrizione

Specola - Sala dell'Iscrizione

 

Museo la Specola

Nel 1994 all'interno della struttura è stato istituito il Museo La Specola, che  permette di visitare le sale e gli strumenti utilizzati dagli astronomi padovani nel corso del Settecento e dell'Ottocento.

Il percorso del museo si snoda attraverso tutta la torre, attraversando le quattro sale che costituirono i principali ambienti di lavoro degli astronomi del passato: la Sala dell'Iscrizione, la Sala Colonna, la Sala Meridiana e la Sala delle Figure.

La Sala dell'Iscrizione prende il nome dalla lapide che ricorda la terribile prigione costruita da Ezzelino da Romano nel 1242. La sala ospita gli strumenti per la misura del tempo: gli orologi a pendolo, i cronometri e i cronografi e due grandi cannocchiali rifrattori utilizzati dagli astronomi della Specola.

La Sala Colonna era luogo di passaggio per raggiungere l'adiacente Sala Meridiana e deve il suo nome al pilastro centrale che sostiene la volta soprastante. Nelle nicchie e nei vani delle finestre sono visibili i ritratti di alcuni dei direttori dell'Osservatorio, oltre a piccoli strumenti utilizzati per le quotidiane osservazioni meteorologiche e astronomiche.

La Sala Meridiana, chiamata anche Osservatorio Inferiore, era il luogo dove si effettuavano le osservazioni del passaggio degli astri al meridiano celeste. Sul pavimento è ben conservata la linea meridiana incisa nel 1777. Sul muro di ponente si può ammirare il prestigioso Quadrante Murale, usato per le osservazioni meridiane delle stelle. Lo strumento fu costruito dall'artefice inglese Jesse Ramsden e giunse a Padova via nave da Londra.

Sulla parete est è dipinto un grande affresco che illustra il sistema solare, così com'era conosciuto alla fine del Settecento.

Alla sommità della torre si trova infine la Sala delle Figure, così chiamata per i dipinti a grandezza naturale che raffigurano celebri scienziati del passato nel campo dell'astronomia e della meteorologia, realizzati dal pittore vicentino Giacomo Ciesa tra il 1772 e il 1773. Gli scienziati ritratti sono Tolomeo, Copernico, Tycho Brahe, Galileo, Keplero, Newton, Montanari e Poleni.

Nella sala sono esposti un rifrattore ottocentesco, un cercatore di comete, un cannocchiale altazimutale, un quadrante mobile e due orologi a pendolo.

 

Specola - Sala della Meridiana

Specola - Sala Meridiana

 

Riferimenti

Il Museo è accessibile solo tramite visite guidate, organizzate in collaborazione con l'Associazione La Torlonga.

Le visite si svolgono tutti i sabati, tutte le domeniche e in tutti i giorni festivi infrasettimanali, alle ore 16.00 da ottobre ad aprile, o alle ore 18.00 a maggio a settembre. La durata della visita è di circa un'ora.

Il Museo rimane chiuso il 24, 25 e 26 Dicembre, a Capodanno e il primo Maggio.

Sono inoltre previste visite in giorni e orari diversi per gruppi organizzati e comitive scolastiche: le comitive (minimo 10, massimo 25 persone) sono accolte dal martedì alla domenica dalle 9:00 alle 17:00 solo su prenotazione, da effettuare con almeno 15 giorni di anticipo. Il modulo di prenotazione è scaricabile qui.

I biglietti possono essere acquistati, prima dell'inizio della visita, presso il vicino Oratorio di San Michele, in Piazzetta S. Michele 1, ad appena 50 metri dalla Specola.

Il biglietto d'ingresso singolo costa €7,00, ma è disponibile un biglietto ridotto al costo di €5,00 per i possessori di PadovaCard, Carta Giovani, per i soci FAI, per i bambini dai 6 ai 14 anni e per gli Over 65. I bambini fino a 6 anni entrano gratis.

Per poter usufruire del biglietto ridotto i gruppi organizzati devono essere composti da almeno 15 persone.

Attenzione: Il percorso presenta barriere insormontabili per persone in carrozzella.

 

Specola: Sala delle Figure

Specola - Sala delle Figure

 

Scopri tutte le informazioni per visitare Padova nella sezione dedicata di questo sito! Se ti è piaciuto questo articolo, che ne dici di consigliarlo con un +1?

Hai mai visitato il Castello? E il Museo la Specola? Fammelo sapere nei commenti!

 

Museo La Specola
Indirizzo: Vicolo dell'Osservatorio 5, Padova
Telefono: +39 049829349
Web: Istituto nazionale di Astrofisica
Facebook: Facebook.com/museo.laspecola

 

Grandottori Iscriviti gratis a Grandottori, la Newsletter di ePadova e ricevi contenuti premium, promozioni e sconti esclusivi!


I tuoi dati personali sono trattati in conformità al D.Lgs 196/2003. Leggi la Privacy Policy.

Prenota ora

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS
Newsletter

Grandottori

Iscriviti gratis a Grandottori, la Newsletter di ePadova e ricevi subito contenuti premium, promozioni e sconti esclusivi!

I tuoi dati personali sono trattati in conformità al D.Lgs 196/2003.
Leggi la Privacy Policy.

Prenota ora

Segui i profili social di ePadova per restare aggiornato sulle novità più interessanti:
 

PadovaCard

Questo sito e gli strumenti terzi utilizzati si avvalgono di cookie utili alle finalità illustrate nella Privacy Policy. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei cookie.