Torre dell'Orologio e orologio astronomico

Monumenti di Padova
Caratteri

La Torre dell'Orologio è un edificio medievale che si affaccia su Piazza dei Signori a Padova. Incorpora un grande orologio astronomico progettato da Jacopo Dondi.


La Torre dell'Orologio è un edificio di costruzione medioevale, che caratterizza l'aspetto della splendida Piazza dei Signori a Padova. La Torre fu costruita nel Quattordicesimo secolo come  porta orientale della Reggia Carrarese, ed è incastonata tra il Palazzo del Capitanio e il Palazzo dei Camerlenghi.

Nel 1428 la Torre venne sopraelevata e dotata del celebre orologio astronomico, progettato da  Jacopo Dondi. Nel 1531 venne aggiunto alla base il grande arco trionfale, opera di Giovanni Maria Falconetto, progettata sul modello degli antichi archi di trionfo romani.

La Torre è alta 30 metri dal piano stradale, ed è sormontata da un tamburo ottagonale coperto da una cupola rivestita di lastre di piombo, dove è installata una campana, ancora oggi gestita dall'originale meccanismo quattrocentesco.

La Torre é famosa per il "ribotto": cinque minuti dopo aver suonato l'ora, la campana si ripete nel cosiddetto "ribotto". Si tratta di una tradizione antica, legata al commercio: nelle compravendite che andavano per le lunghe il "botto" indicava l'ora, e il "ribotto" decretava inesorabilmente la fine delle trattative.

La Torre è strutturata internamente in 5 piani: i primi 3 sono contengono le parti del meccanismo dell'orologio, gli altri 2 costituivano la residenza del maestro orologiaio che si occupava della manutenzione.

L'Arco Trionfale collega Piazza dei Signori con Piazza Capitaniato: si tratta di un arco a tutto sesto, realizzato in pietra d'Istria, con quattro colonne doriche poggiate su un alto basamento. Nell’attico sopra all'arco si trova un Leone di San Marco e nelle nicchie due figure che portano gli stemmi del podestà Giovanni Badoer e del capitano Giovanni Moro.

 

Torre dell'Orologio

Torre dell'Orologio

 

L'orologio astronomico

L'orologio astronomico fu costruito nel 1344 su un progetto di Jacopo Dondi. La popolarità dell'orologio fu tale che ai discendenti di Jacopo Dondi fu aggiunta al cognome la dizione "dell'Orologio".

L'orologio fu seriamente danneggiato da un incendio, e ricostruito nel 1436 da Matteo Novello e Gian Pietro delle Caldiere, che riutilizzarono i segni dello Zodiaco originali. Un secolo più tardi, il Falconetto restaurò il prospetto della Torre e realizzò la corniciatura.

L'orologio rappresenta la teoria astronomica Tolemaica di un sistema geocentrico che poneva la Terra al centro dell'Universo.

Il quadrante ha una forma circolare: nella fascia esterna è incisa la numerazione delle ore con caratteri romani, mentre la fascia interna, in lastre di piombo, riporta le stelle di rame. La terza fascia contiene invece i simboli zodiacali, rifiniti con una foglia d'oro zecchino. Al centro si trova il pianeta Terra. La lancetta che indica le ore con il Sole è alla base, mentre la Luna compare su una finestra circolare.

 

Torre dell'Orologio

Torre dell'Orologio: l'orologio astronomico

 

 

"E' una bellissima torre coperta di piombo, nella quale è quello artificiosissimo horologio, il quale oltre il battere, e il mostrar dell'hore, mostra il giorno del mese, il corso del Sole nelli dodeci segni del Zodiaco, li giorni della luna, gli aspetti d'essa col sole, e il suo crescere, e scemare."

Angelo Portenari

 

Il meccanismo dell'orologio si trova alloggiato al terzo piano della torre, supportato da un castello di legno e protetto da un'imponente armadio.

Tra i segni dello Zodiaco presenti sul quadrante manca il segno della Bilancia. Questa mancanza è dovuta al fatto che nel sistema tolemaico le costellazioni dello Scorpione e della Bilancia sono unite. Il simbolo della Bilancia è stato successivamente posizionato nel basamento di marmo che regge il pennone. Nel giugno 2010 l'orologio è tornato a funzionare dopo un lungo lavoro di restauro, che ha interessato sia la struttura della Torre che i meccanismi dell'orologio.

 

Torre dell'Orologio

Torre dell'Orologio: l'orologio astronomico

 

Torre dell'Orologio: riferimenti

La Torre dell'Orologio è visitabile gratuitamente grazie all'opera dei volontari del gruppo Salvalarte di Legambiente, tutti i venerdì e i sabato dalle ore 10.00 alle 11.30 (ultima visita), e di mercoledi, su prenotazione, per i gruppi, con ingresso da Piazza Capitaniato.

Le visite, per motivi di sicurezza sono divise in turni di 30 minuti per un massimo di 10 persone, fino ad esaurimento posti. Periodicamente, vengono organizzate aperture straordinarie (tieni d'occhio il sito di Legambiente Padova per scoprire quando).

Scopri tutte le informazioni per visitare Padova nella sezione dedicata di questo sito! Se ti è piaciuto questo articolo, che ne dici di consigliarlo con un +1?

Tutti i padovani e i visitatori della città hanno visto e conoscono la Torre e l'orologio astrologico, ma non molti lo hanno visitato; Se ci sei stato, fammelo sapere nei commenti!

 

Torre dell’Orologio
Indirizzo: Piazza Capitaniato 19, Padova
Telefono: +39 49 8561212
Web: www.legambientepadova.it

 

Grandottori Iscriviti gratis a Grandottori, la Newsletter di ePadova e ricevi contenuti premium, promozioni e sconti esclusivi!


I tuoi dati personali sono trattati in conformità al D.Lgs 196/2003. Leggi la Privacy Policy.

Scarica subito!

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS
Newsletter

Grandottori

Iscriviti gratis a Grandottori, la Newsletter di ePadova e ricevi subito contenuti premium, promozioni e sconti esclusivi!

I tuoi dati personali sono trattati in conformità al D.Lgs 196/2003.
Leggi la Privacy Policy.

Prenota ora

Segui i profili social di ePadova per restare aggiornato sulle novità più interessanti:
 

PadovaCard

×

ebook 1g padova 360x360

Acquista l'ebook "Un giorno a Padova", disponibile per PC, Mac, Amazon Kindle e per smartphone e tablet iOS, Android e Windows Phone.

Questo sito e gli strumenti terzi utilizzati si avvalgono di cookie utili alle finalità illustrate nella Privacy Policy. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei cookie.